lunedì 6 giugno 2016

Cantine Pepi, Vino Ex

Carissime, eccoci all'appuntamento settimanale con Cantine Pepi. Il vino che vi presento oggi si chiama Ex, che potrebbe far pensare ad una fine, una rottura, mentre invece è una rinascita. La rinascita di una città, che dopo essere andata distrutta da un terremoto, ha ritrovato nuovo splendore, nuova forza e nuova struttura. Quindi Ex perché le cose di prima sono passate, e ce ne sono di nuove. L'etichetta, come sempre per questi vini, richiama la storia e nell'esagono macchiato da coriandoli di colore ritroviamo proprio l'antica città fattasi nuova.


Il vino è rosso, corposo, profumato di frutti rossi e fiori. Come tutti i vini rossi, va gustato non troppo freddo, l'ideale è 16/18°. La gradazione alcolica è 13,5%.
Anche questo vino non è ancora in vendita, ma potete averlo in anteprima iscrivendovi alla pagina Segreti di Vignaiole ed inserendo il codice "mammaqualunque".
L'abbinamento di questa settimana è con arista di maiale 
in agrodolce, con salsa di peperoni ed ananas.



Il procedimento è un pochino lungo se come me non digerite molto bene i peperoni... io infatti li faccio prima abbrustolire nel forno, tolgo la pelle e tutti i semini e poi li uso per le varie ricette. E veniamo a questa.

  • In un tegame, mettere olio evo, un manciatina di capperi, una cipolla piccola, olive nere (io ho usato quelle in forno, ma anche di gaeta o taggiasche vanno benissimo), 2 fette di ananas sciroppato a pezzetti, le falde di 2 peperoni e far rosolare 5 minuti.
  • Aggiungere l'arista di maiale intera e il liquido prodotto dai peperoni se come me l'avete cotti prima.
  • Far cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti, controllando che ci sia liquido a sufficienza.
  • Togliere la carne e le olive, frullare tutto il resto ottenendo una salsa, regolare di sale se serve.
  • Affettare l'arista dopo averla fatta freddare, immergere le fette nella salsa e farla cuocere ancora 10 minuti per addensare e far impregnare la carne rendendola morbida e saporita.
  • In una padella molto calda, saltare velocemente qualche fetta di ananas sciroppato da aggiungere nel piatto.
Buon appetito.

E' stato un successone, molto gradito anche dalle mie figlie per il gusto particolare e perché l'arista di maiale, che a volte rimane stoppacciosa, cotta così rimane molto morbida.
Se volete leggere dei precedenti vini trovate qui articoli qui: Signatura e Eore. Ovviamente mi fa molto piacere.
Un bacio a voi.
Giada
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

sei il visitatore n.