martedì 10 novembre 2015

Redoro Frantoi Veneti

Quando si parla di olio di oliva, in Italia si ha l'imbarazzo della scelta. Abbiamo la fortuna di avere un clima e un territorio che permette la coltivazione delle olive e la produzione di ottimo olio, in tantissime regioni diverse. In modo particolare vi parlo oggi di un olio veneto, e per essere precise del primo olio extravergine d'oliva riconosciuto D.O.P, quello di REDORO FRANTOI VENETI.



La coltivazione delle olive in Veneto è tradizione secolare, e il prodotto che se ne ricava è più delicato rispetto ad esempio a quello pugliese, che ha un sapore più intenso.
Il frantoio REDORO convoglia la produzione di circa 750 coltivatori, dislocati nelle zone del Garda, della Valpolicella e della Valpantena. La spremitura è effettuata a freddo con macine di pietra, secondo tradizione. Il controllo accurato delle olive permette di ottenere un prodotto d'eccellenza, lavorato particolarmente nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, subito dopo la raccolta. Tutte le olive impiegate sono senza OGM, e come abbiamo detto rigorosamente italiane al 100%.
L'azienda propone una gamma molto ampia di prodotti, per soddisfare tutti i palati:
  • L'extravergine DOP, indicato per minestre, carni bianche e pesce
  • L'extravergine BIO, per verdure al vapore e piatti leggeri
  • L'extravergine TRADIZIONALE, per insalate e verdure fresche
  • L'extravergine INTEGRALE, per carni rosse
  • Le specialità: Infusi, creme, verdure grigliate adatte come contorni o stuzzichini
Premetto che io sono un po' fissata con l'olio, mi indigna che sui banchi dei supermercati spesso si trovano oli europei, e le nostre olive non vengono usate...quindi cerco sempre un prodotto italiano, e sono stata particolarmente felice di provare l'olio extravergine tradizionale.

La prima cosa che colpisce chiaramente è la confezione: un barattolo di latta, chiuso da sigillo di garanzia, e con la paglietta dentro per proteggere la bottiglia.


Questo è un olio particolarmente indicato per le verdure e le insalate, ma come mi ha insegnato mio padre... per sentire se un olio è buono, va mangiato con il pane, senza tanti fronzoli.
Quindi la mia prova è stata davvero semplice ma gustosa.
Funghi misti in padella (lo ammetto, erano surgelati, e li ho cotti semplicemente con aglio e sale), fagioli corallo al pomodoro (questi erano freschi, cotti direttamente in padella con pomodori freschi a pezzi, cipolla e sale), qualche bel pomodoro a cubetti, una fetta di pane bruschettato, e con l'aggiunta di un filo d'olio ecco pronta la cena.


La bottiglia, oltre ad essere bella, è molto pratica sia per il manico che per il beccuccio che dosa a filo, in modo da evitare sprechi e sgocciolature.
Il sapore è delicato e gradevole, non pizzica in gola come succede con oli più corposi, ma esalta il sapore degli alimenti con discrezione. Ottimo prodotto. Non a caso viene venduto nel mondo da ben 120 anni...
Trovate nel sito REDORO tutta la gamma di prodotti, che includono anche cosmetici, e come sempre vi invito a lasciare un like alla pagina facebook Redoro Frantoi Veneti.
Vista l'ora, non mi resta altro che augurarvi "Buon Appetito!"
Giada
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
impressionierecensionidiunamammaqualunquediGiadaDe Cesaris - DesignbyIole